Acquisti verdi Pubblica Amministrazione: cosa sono i CAM?

Ridurre l’impatto ambientale e promuovere una produzione sostenibile con i Criteri Ambientali Minimi.

   News del 17-05-2021

Il settore della Pubblica Amministrazione riveste un’importanza notevole nel conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, SDGs 2030. Beni e servizi che posseggono criteri virtuosi di sostenibilità ambientale possono concretamente incidere sulla riduzione di consumi, sprechi e inquinamento, migliorando la qualità di quanto offerto sul mercato.
In questo panorama nasce il GPP Green Public Procurement, un sistema di acquisti pubblici sostenibili sotto il profilo ambientale, i cosiddetti acquisti verdi.
In Italia la normativa è riassunta nel Piano d’Azione Nazionale per gli Acquisti Pubblici Verdi - PAN GPP - aggiornato con D.M. 10 aprile 2013.
Da questo Piano provengono i documenti - emanati con decreto ministeriale e pubblicati in Gazzetta Ufficiale - contenenti i CAM Criteri Ambientali Minimi per diversi settori merceologici e di servizi.

Cosa sono i CAM Criteri Ambientali Minimi?

I CAM sono requisiti di tipo sociale, ambientale ed economico, definiti nelle fasi del processo di acquisto, al fine di individuare - mediante l'analisi del ciclo di vita - la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio che ha una migliore performance ambientale, nell’intero loro ciclo di vita.

Inseriti nel Piano d’Azione Nazionale, e recepiti dalle stazioni appaltanti, permettono di classificare come sostenibile l’acquisto o l’affidamento di lavori; indirizzano le scelte della Pubblica Amministrazione, premiando ciò che ha un valore di sostenibilità maggiore. La loro applicazione produce un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della Pubblica Amministrazione.

I CAM si ispirano ai criteri ambientali relativi alle etichette di qualità ecologica ufficiali già presenti sul mercato; rappresentano l’incentivo allo sviluppo dell’economia circolare.
Il Codice degli Appalti - D. Lgs. 50/2016 - ha reso obbligatoria l’applicazione dei CAM in tutte le stazioni appaltanti.
Quest'obbligo garantisce che la politica nazionale possa ridurre gli impatti ambientali e promuovere modelli di produzione e consumo affini all'economia circolare.

La struttura dei CAM

I CAM presentano una struttura di base comune. Per ogni categoria sono riportate le normative di riferimento ambientale, sono fornite tutte le indicazioni sulle procedure di esecuzione delle gare di appalto e l’approccio da seguire per la definizione di ciascun CAM.

Si definiscono minimi poiché costituiscono elementi di base nella qualificazione “verde” di un processo di acquisto pubblico. Rappresentano un insieme di criteri da inserire nella documentazione di gara per rendere più adeguata la soluzione proposta dal mercato e rispondere agli obiettivi che la Pubblica Amministrazione intende raggiungere mediante gli appalti pubblici.

I Criteri Ambientali Minimi si definiscono di base quando garantiscono prestazioni superiori a quelle derivanti dalla conformità alla normativa ambientale, e premianti quando invece sono in grado di garantire prestazioni superiori - prodotti e servizi con prestazioni ambientali migliori - rispetto a quelle derivanti dalla conformità ai criteri di base.
Solitamente, questi ultimi, sono utilizzati in fase di aggiudicazione, per considerare l’offerta economicamente più vantaggiosa.

Cos'è il GPP Green Public Procurement

acquisti verdi pubblica amministrazione cosa sono i cam criteri ambientali minimiIl GPP - acquisti verdi della Pubblica Amministrazione - rappresenta uno strumento strategico per un’economia sostenibile, non solo per le politiche ambientali ma anche per la promozione dell’innovazione tecnologica.
Gli acquisti verdi contribuiscono alla riduzione degli impatti ambientali che beni e servizi possono generare nel corso del loro ciclo di vita, dall’estrazione delle materie prime allo smaltimento dei rifiuti.
La Pubblica Amministrazione è il settore che più consuma beni e servizi; per questa ragione rivestono molta importanza gli acquisti verdi. Grazie agli acquisti verdi la Pubblica Amministrazione può influenzare il mercato, le imprese, i prodotti e i servizi e può contribuire al raggiungimento degli obiettivi delle politiche sulla competitività dell’Unione europea.

GPP e CAM nella Pubblica Amministrazione

Il GPP, come previsto dal Codice degli Appalti sull’applicazione obbligatoria dei CAM, è diventato uno dei principali strumenti di politica ambientale e produttiva. È in grado di ridurre l’impatto sull’ambiente, stimolare percorsi di qualificazione e innovazione ambientale da parte delle imprese rafforzandone la competitività; migliorare alcuni indicatori economici, sia razionalizzando la spesa pubblica sia incentivando nuove attività economiche che si occupano di aspetti e temi valorizzati dai CAM.
La Pubblica Amministrazione, grazie all’adozione dei Criteri Ambientali Minimi nei processi di acquisto, garantisce la qualità green delle procedure e la relativa sostenibilità ambientale.

Strategia europea 2020: appalti pubblici verdi ed economia circolare

La Strategia Europa 2020 - Strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva - si basa su tre priorità tra loro collegate:

  1. sviluppare un’economia basata sulla conoscenza e sull’innovazione

  2. promuovere un’economia efficiente e competitiva sotto il profilo delle risorse, a basse emissioni di CO2

  3. incoraggiare un’economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale

Gli appalti pubblici, in grado di realizzare gli obiettivi preposti, svolgono un ruolo fondamentale nella Strategia europea: apportano un miglioramento all’innovazione per le imprese e promuovono gli appalti pubblici verdi, così da favorire la transizione verso un’economia sostenibile e un modello di economia circolare, in cui il valore dei prodotti e dei materiali si mantiene il più a lungo possibile.
Per garantire una crescita sostenibile nell’Ue, le risorse devono essere utilizzate in modo intelligente e sostenibile, a partire dal processo produttivo.

Quali sono i CAM attualmente in vigore

I CAM sono aggiornati periodicamente sulla base dell’evoluzione tecnologica e di mercato. I Criteri Ambientali Minimi attualmente in vigore sono quelli definiti prioritari in base al settore, di riferimento, al volume di spesa pubblica e potenzialità in termini di riduzione dell’impatto ambientale.
Ad oggi sono stati adottati 18 CAM, per diverse categorie di forniture ed affidamenti: arredi per interni, arredo urbano, ausili per incontinenza, calzature da lavoro e accessori in pelle, carta, cartucce, edilizia, fornitura e progettazione di illuminazione pubblica, servizio di illuminazione pubblica, illuminazione e riscaldamento/raffrescamento per edifici, pulizia per edifici, rifiuti urbani, ristorazione collettiva, sanificazione strutture sanitarie, stampanti, tessili, veicoli, verde pubblico, lavanolo.

CAM e il vantaggio delle certificazioni aziendali

Dal 2021 tutte le aziende interessate a gare d'appalto e bandi pubblici devono dimostrare di rispettare i requisiti CAM Criteri Ambientali Minimi.

Le certificazioni ambientali, la certificazione Carbon footprint di prodotto e di organizzazione, la certificazione ISO 50001 o equivalenti, rientrano tra i criteri premianti: consentono l’assegnazione di ulteriore punteggio negli appalti pubblici, rappresentando un vantaggio per la tua azienda.

Con la certificazione EPD - Dichiarazione Ambientale di Prodotto - dimostri la sostenibilità di prodotti e servizi che offri sul mercato e dei materiali impiegati nei lavori edilizi, in quanto comunichi in maniera trasparente il loro impatto ambientale.

Affidati a Tecno: differenziati

Dichiaro di aver preso attenta visione dell'informativa e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate al suo interno. [Privacy Policy] [Cookie Policy]
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto tradizionale (telefono con operatore, posta)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto di tipo automatizzato (telefono senza operatore, sms, mms, e-mail, fax)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali alle altre società facenti parti del gruppo Tecno, per il trattamento svolto in proprio da parte di queste ultime per le medesime finalità promozionali

 © 2020 – ALL RIGHTS RESERVED - Tecno S.r.l. - Socio Unico – VAT No.: 02173090644 - Social Capital  €50.000,00 i.v. - Via Correggio 3, 20149, Milan - Privacy Policy - Cookie Policy